Il Centro

Mind Order si occupa della cura dei disturbi psichici, del disagio emotivo e dei momenti di crisi nelle diverse fasce d’età: neonati, bambini, adolescenti e adulti.

Siamo un gruppo di professionisti specializzato nella psicodiagnosi e in piani di trattamento personalizzati attraverso interventi e terapie che ripristinano un’adeguata funzionalità psicoaffettiva. Il nostro approccio è psicoanalitico e considera come elementi centrali della cura:

la relazione psicoterapeutica

l’attenzione al funzionamento globale dell’individuo

il riconoscimento dell’unicità di ogni persona

il sintomo come segnale da interpretare nel suo significato profondo

La diagnosi e le indicazioni alla cura di Mind Order hanno come riferimento il Manuale Diagnostico Psicodinamico (PDM-2, V. Lingiardi, N. Mc Williams) che propone un metodo di valutazione innovativo.

Diagnosi e indicazioni terapeutiche sono il risultato dell’osservazione non solo dei sintomi, ma anche del modo unico e soggettivo in cui ogni persona reagisce alle difficoltà negli ambiti del pensiero, dell’emozione e del comportamento.

Il nostro Processo Diagnostico prevede tre fasi principali:

ASCOLTO

È la fase di analisi della richiesta e dei bisogni specifici e l’individuazione delle aree problematiche che orientano alla diagnosi

CONFRONTO

Il gruppo di professionisti riflette insieme sul materiale raccolto e contribuisce con la propria visione integrando le diverse competenze per raggiungere un accordo sulla diagnosi

CONDIVISIONE

È la comunicazione delle indicazioni terapeutiche e del piano di trattamento individualizzato. A questa fase è parallelo un aggiornamento periodico per valutare il processo di cura e i suoi esiti.

Obiettivi

  • Attenta e accurata valutazione psicodiagnostica polifunzionale articolata in diverse fasi.
  • Equipe multidisciplinare in cui le diverse figure professionali lavorano a stretto contatto le une con le altre e condividono gli stessi valori e lo stesso approccio alla cura.
  • Programmi terapeutici individuali basati non solo sui sintomi ma anche sui tratti di personalità e le potenzialità di ogni persona.
  • Stabilità e continuità del trattamento: il paziente viene seguito dalle stesse figure professionali dall’inizio alla conclusione del programma.
  • Collaborazione con le diverse specializzazioni mediche per garantire al paziente un percorso di valutazione e presa in carico integrata

  • Nel caso di neonati, bambini e adolescenti è previsto il coinvolgimento, la collaborazione e il confronto con il contesto e la realtà sociale nella quale il bambino e l’adolescente sono inseriti: famiglia, scuola, medicina di base.
  • Tempestività della presa in carico.
  • Analisi degli esiti per valutare l’efficacia della cura
  • Formazione continua del personale al fine di garantire elevati standard professionali.

Valori

  • Centralità della relazione umana e terapeutica.
  • Condivisione della responsabilità della cura: l’équipe e il paziente partecipano entrambi al progetto terapeutico e alla sua realizzazione.
  • La mente e il corpo non possono essere considerate come dimensioni separate sia durante la valutazione diagnostica sia nella fase terapeutica.
  • Ogni soggetto viene osservato, ascoltato e descritto nella sua complessità e unicità e non solo in base ai sintomi che presenta.
  • Riconoscimento e rispetto delle differenze professionali e individuali all’interno del gruppo clinico e contemporaneamente la condivisione di un punto di vista comune 
  • Integrazione di competenze tra medicina di base, medici specialisti e psicologia clinica
  • Trattamenti basati sulla qualità e sull’esito e non sul profitto

Teoria e metodo

Il nome Mind Order

Il sistema diagnostico psichiatrico tradizionale (DSM IV e V) definisce i disturbi psichici come “Mental Disorder”. La scelta del nostro nome vuole indicare, per ogni individuo che vive la confusione causata dalla sofferenza psichica, la possibilità di ritrovare un equilibrio psicologico caratterizzato da coerenza, senso e armonia psico-fisica.

Sigmund Freud

2

Teoria di riferimento

La teoria a cui facciamo riferimento per la diagnosi e la cura è quella psicoanalitica di cui Sigmund Freud (1856-1939) è il fondatore.

La specificità di Mind Order consiste nell’applicazione del modello psicoanalitico al lavoro d’equipe. Tale modello è stato mutuato dalle esperienze dell’Austen Riggs Center negli Stati Uniti e del centro di cura psicoterapeutico “La Velotte” in Francia che con i loro risultati hanno ampiamente dimostrato come l’approccio psicoanalitico sia efficace nel curare il disagio psichico anche al di fuori della stanza d’analisi in un contesto che includa la visione e la presa in carico da parte di un gruppo di professionisti con competenze diverse ma uniti da obiettivi simili.

La riflessione sui casi, avendo come sfondo la teoria psicoanalitica, promuove nell’équipe miltidisciplinare il coinvolgimento dei professionisti su ogni caso clinico e valorizza il funzionamento “psicodinamico” del gruppo con l’obiettivo di:

  • ampliare la comprensione del paziente e dei suoi diversi livelli di funzionamento
  • cogliere elementi che dal punto di vista del singolo professionista non sarebbero evidenziabili
  • formulare una diagnosi e un progetto terapeutico condiviso

Tale metodologia di lavoro all’interno dell’équipe favorisce un’analisi del caso e una presa in carico del paziente basate sull’integrazione delle diverse esperienze e percorsi professionali e contribuisce a una comprensione più approfondita delle specificità del paziente, sia nella fase di valutazione iniziale che in fase terapeutica, anche grazie all’analisi delle dinamiche che si attivano nella discussione all’interno dell’équipe. L’équipe diventa strumento di comprensione e di cura.

3

Metodo

Mind Order in ambito diagnostico assume il PDM-2 (Manuale Diagnostico Psicodinamico, 2° ed., a cura di Vittorio Lingiardi e Nancy Mc Williams) come strumento che consente di applicare la teoria psicodinamica alla pratica clinica.

  • considera la diagnosi come il primo passo verso la cura
  • evita le semplificazioni e i riduzionismi della tradizione psichiatrica e osserva l’individuo nella sua globalità
  • evita le etichette diagnostiche rigide e definitive, e valorizza l’idea di un funzionamento psichico che si modifica nel tempo e nel corso della terapia
  • articola la descrizione della persona in un elaborato narrativo che stimola il confronto tra le diverse figure professionali
  • valorizza il gruppo multidisciplinare come strumento per la riflessione clinica

Chi siamo

Dott.ssa Raffaella Morelli

Si laurea nel 1996 in Psicologia Clinica all’Università di Torino, l’anno successivo sostiene l’esame di Stato e si iscrive all’ordine.

Trascorre tre anni presso l’Ospedale S. Matteo di Pavia nel reparto di psichiatria per approfondire le conoscenze nell’ambito della psicopatologia, dell’esordio psicotico e della fase acuta di scompenso psichico.

Durante questo periodo si reca per circa quattro mesi in Massachusset presso l’Austen Riggs Center, una delle più importanti strutture di riabilitazione psichiatriche degli Stati Uniti, dove sono previsti trattamenti residenziali per pazienti gravi e treatment-resistant (direttore medico E.R. Shapiro).

Al ritorno dagli Stati Uniti tiene due conferenze su questa esperienza dal titolo La costruzione dello spazio psichico al di là delle barriere fisiche presso Istituto di Riabilitazione Psichiatrica Fatebenefratelli di S. Colombano al Lambro, dove successivamente è assunta dal 1999 fino al 2003.

A San Colombano l’attività clinica con i pazienti e l’equipe si alterna alla partecipazione alle numerose iniziative e corsi di aggiornamento organizzati dal direttore medico, dottor G. Foresti (Didatta della S.P.I.), sia specialistici che organizzativi come il “Master in Direzione dei Servizi Sanitari” organizzato dal Centro Studi e Formazione della Provincia Lombardo Veneta.

Negli stessi anni supera le prime e le seconde selezioni per accedere al training psicoanalitico della Società Psicoanalitica Italiana.

Da settembre 2003 a giugno 2004 si reca in Francia presso il “Centre de soins psychotérapique la Velotte” fondato nel 1967 da P.C. Racamier che applica, come Austen Riggs, i principi della teoria psicoanalitica al trattamento di pazienti gravi. Durante i 10 mesi in Francia viene accolta alla Società Psicoanalitica di Parigi (S.P.P.) dove partecipa ai seminari clinici tenuti dal dottor M. de M’Uzan dal titolo: Clinique psychanalytique de la technique.

Dalla fine del 2004 al 2010 lavora presso il Dipartimento di Salute Mentale di Novara nelle comunità terapeutiche di media e lunga degenza e per due anni coordina un gruppo di supervisione clinica per i medici di base.

Per quanto riguarda l’attività di docenza, dal 2006 al 2009 è professore a contratto nella Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pavia per il Diploma Universitario di Tecnico dell’Educazione e della Riabilitazione Psichiatrica.

Dal 2006 a oggi è docente per il corso quadriennale di specializzazione in Psicoterapia al CERP di Trento (Centro di Ricerca di Psicoterapia) dove tiene lezioni di teoria e tecnica psicoanalitica e svolge supervisioni individuali e di gruppo agli allievi della scuola. È inoltre curatrice del primo numero della rivista del CERP “I luoghi del male”.

Nel corso degli anni partecipa ai seminari clinici del Centro Milanese di Psicoanalisi e ad alcuni gruppi di teoria psicoanalitica. L’attività di aggiornamento è continua sia attraverso la presenza a congressi nazionali che internazionali, inoltre pubblica alcuni articoli su riviste specializzate.

Dott. Andrea Caglio

Specialista in psicoterapia degli adolescenti

Laurea in Psicologia clinica e di comunità presso l’Università degli Studi di Torino.

Master presso A.R.P. Milano sul Processo diagnostico e la diagnosi testologica.

Specializzazione in Psicoterapia Breve Integrata presso Iserdip.

Svolge attività di docenza presso la scuola di specializzazione in Psicoterapia Breve Integrata Iserdip e presso il CERP di Trento (Centro di Ricerca di Psicoterapia).

Svolge attività libero professionale a Macherio (MB) e presso l’ambulatorio “G.C. Zapparoli” Iserdip a Milano.

Dott.ssa Monica Compostella

Psicologa Psicoterapeuta con attività rivolta principalmente nell’ambito dell’età evolutiva.

Laureata in Psicologia, indirizzo dello Sviluppo e dell’Educazione, presso l’Università degli Studi di Padova.

Diplomata presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia a Indirizzo Psicanalitico del CeRP (Centro di Ricerca in Psicoterapia).

Socia Aggregata APG (Associazione di Psicoterapia di Gruppo).

Svolge attività di docenza presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica della COIRAG (Confederazione delle Organizzazioni Italiane per la Ricerca Analitica sui Gruppi), corso di Psicologia dello Sviluppo.

Svolge attività libero professionale attraverso la collaborazione con diverse istituzioni pubbliche e private a Milano e Monza.

Si occupa principalmente di psicodiagnosi e psicoterapia individuale e di gruppo per bambini e pre-adolescenti, di formazione al personale degli asili nido e di progettazione di interventi di supporto e/o prevenzione rivolti a insegnanti e genitori.

Conduce gruppi preventivi che uniscono donne in gravidanza e mamme nel primo anno di maternità accompagnate dai loro bambini anche in co-conduzione con personale sanitario/sociale.

Dott.ssa Erica Zanoni

Laurea in Psicologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Specializzazione in psicoterapia presso l’Istituto Alfred Adler di Milano, consegue il titolo di Analista SIPI (Società Italiana di Psicologia Individuale).

Attività di docenza nel corso di psicoterapia presso il CERP di Trento (Centro di Ricerca di Psicoterapia).

Dal 2009 svolge libera professione a Milano e Novara occupandosi di diagnosi e psicoterapia del paziente adulto e adolescente, sostegno alla coppia e alla genitorialità.

Psicologa Psicoterapeuta Analista.

Dott.ssa Sonia Pallocca

Laurea in Terapia della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva presso l’Istituto Scientifico “Eugenio Medea”, La Nostra Famiglia di Bosisio Parini.

Tecnico abilitato ABA (Applied Behavior Analysis).

Svolge attività in ambito educativo-preventivo all’interno di Scuole dell’Infanzia, Asili Nido e Associazioni Onlus, promuove progetti psicomotori di gruppo e attività domiciliare rivolta a con bambini e pre-adolescenti (5-12 anni) con Disturbo dello Spettro Autistico, ADHD, disregolazione emotiva e DSA.

Dott. Marcello Farallo

Specialista in Pediatria

Laurea in Medicina presso Università Statale di Milano.

Specializzazione in Pediatria presso Università Statale di Milano.

Attività clinica e di ricerca presso Servizio di Epatologia Pediatrica – Clinica Pediatrica De Marchi – Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore, Policlinico Milano.

Dott. Francesco Bertacchi

Diploma di Osteopatia e Osteopatia Pediatrica presso la Fondazione RSM – Osteopathic Centre of London, Diploma Metodo FSC per la Riabilitazione neuro e psicomotoria del bambino, Vojta-Castagnini, Diploma Universitario in Fisioterapia presso l’Università degli Studi di Pavia, Laurea in Filosofia presso l’Università Cattolica di Milano.

Ha approfondito l’utilizzo dell’approccio Biodinamico in Osteopatia Pediatrica (Traditional Osteopathic Studies, Unity Onlus Osteopathy).

Da 20 anni lavora come libero professionista, è titolare dello Centro di Osteopatia per il bambino e l’adulto a Milano.

Collaboratori esterni

Dott. Tommaso Ferraresi

Specialista in Psichiatria

Psicoterapeuta

Dott. Niccolò Giovannini

Specialista in Pediatria

Specialista in Ginecologia

Dott.ssa Cristina Perletti

Specialista in Neuropsochiatria

Psicoterapeuta

Laurea in Medicina presso Università Statale di Milano.

Specializzazione in Neuropsichiatria infantile presso Università degli Studi di Pavia.

Candidata della Società Psicoanalitica Italiana (S.P.I.).

È direttore sanitario della Comunità Terapeutica per adolescenti L’Aliante e lavora privatamente come neuropsichiatra e psicoterapeuta a indirizzo psicoanalitico con attività rivolta ad adulti, bambini e adolescenti.